Ripensandoci…

Abbiamo deciso di non fare ricorso.

in dubbio fino all’ultimissimo, stamattina ne ho parlato con la mia amica che lavora nella scuola che ha detto:

  1. quelli dell’anief sono dei “ladri patentati” (ipse dixit), nel concorso per DSGA hanno chiesto 500 € per fare ricorso e non l’ha vinto nessuno (+ tra i 50 e i 100 € di iscrizione al loro sindacato, spalmati in un anno)
  2. il ricorso è un tuo diritto ed è gratuito, senti i sindacati
  3. nel caso in cui chiunque vinca il ricorso e gli abbuonino determinate domande, le devono abbuonare a TUTTI indistintamente, non solo a chi lo fa, quindi in automatico se viene riconosciuto è anche un tuo diritto
  4. tanto non potresti fare lo scritto, x’ i tempi tecnici sono troppo brevi
Abbiamo sbagliato, o abbiamo fatto giusto? Cmq dalla scuola del Tato confermano la presenza della 4° cattedra, quella che copriva lui, che invece era in forse.
Confido che sia sempre il primo della lista e tocchi a lui anche tutto quest’anno… nel mentre studierà per il concorso dell’anno prossimo, abbiamo stabilito che due sere alla settimana studia lui e io mi occupo dei pargoli (magari non a settembre, ma appena passano le coliche che potrebbe avere Ale, ed Elisa ne aveva un sacco) e due sere me ne occupo io…
Insomma chi vivrà, vedrà.
Di certo c’è che questo povero Ale lo sto considerando poco, tra tutti questi pensieri, studio ecc… povero amore. Però non vedo l’ora di abbracciarlo…

 

This entry was posted in lavoro, tato, tfa. Bookmark the permalink.

Comments are closed.