-12 -11 -10 Recap

Sabato me la sono presa comoda: cyclette e doccia al mattino, smalto piedi e mani, capelli, lavato un po’ di cose e anche una bella dormita nonostante il sole fuori, ché mica posso tornare troppo abbronzata, sennò chi mi crede che ero in ospedale?

Domenica mattina la pesata, ‘sta cosa mi mette un’ansia incredibile. Non ce la faccio a pesarmi una volta alla settimana, che poi a casa mi peso tutti i giorni, ma mi dà tranquillità. Qui non ho dormito la notte prima e alle 5.40 ero già sveglia e in ansia…

Il peso? Ho perso 8 etti. Anzi a dire il vero tra i 6 e gli 8 etti, la bilancia ballava, l’infermiera è stata generosa.

Ma si può? Dieta da 1650 cal che non puoi sgarrare neanche per sbaglio, 79 km fatti a piedi e ho perso 8 etti?!? Mavaffangùl, va.

8 etti mi vanno bene a casa, dove di strada e sport ne farò per forza meno, dove la dieta è più alta e si può sgarrare anche involontariamente. Ma qui non li accetto. E ho voglia a dirmi che in 6 settimane ho praticamente perso 8 kg (sono 7,4, ma vuoi togliere 6 etti di pigiama, eh?!? VUOI?!?!?), che mica si può perdere sempre. Perché ‘sta cosa del fatto che perdo poco non è una mia idea balzana, è la verità.

E vabbè, così è, pace. In realtà ho un’idea che voglio testare questa settimana: la scorsa non ho mangiato pesce (non c’era pesce per me edibile, trota e nasello li aborro), né legumi, perché mi provocano troppa aria.

Questa settimana ho scelto due volte legumi, una soia e una salmone, vediamo se cambia la perdita di peso. Se si, c’è da fare una riflessione a riguardo.

Ieri poi, poco prima delle 10, i miei amori erano già qui: la Bamby caricata a balestra, Tippete malmostoso perché non riesce a sfogare la sua nostalgia di me. Piangeva ad ogni piccola cosa: scene assurde, si buttava di lato, con le lacrime agli occhi, e non voleva nessuno.

Un po’ di buonumore glielo ha dato la caccia al tesoro, anche se, quell’unica volta che sua sorella è andata davanti a lui, è stata causa di un mega capriccio di un’ora buona… considerando che la Bamby li trovava tutti prima di lui e li lasciava generosamente prendere a lui.

La caccia al tesoro è finita al bar, dove il premio era un pacchetto di patatine.

Poi un po’ di nascondino e per tre volte abbiamo bagnato il naso al papà, liberandoci tutti. L’ultima volta Tippete, che si era nascosto nei pressi della Chiesa, quando il Tato era andato a cercarlo vicino allo spazzaneve (suo precedente nascondiglio), ha fatto una volata per liberarci tutti. Corri, Tippete, corri, dicevamo io e la Bamby, col papà dall’altra parte del cortile che a grandi falcate cercava di raggiungere la toppa (perché si può dire tutto di mio marito, tranne che gli piace perdere). Tra l’altro il terreno era in discesa e avevo paura che Tippete facesse un volo… invece arriva, tocca la toppa e urla “Tana libera tutti!”

Lì il malumore è sparito, per fortuna.

Poi loro, come l’altra volta, hanno mangiato al bar, io in reparto e all’una e mezza siamo usciti.

Ancora direzione grotte, come la volta scorsa, ma questa volta siamo andati sulal cima del monte Morissolo, quindi stessa strada dell’altra volta, ma ultimi 15 minuti in salita ripidissima.

Da lì un panorama SPETTACOLARE sul lago, un sole caldo, a sinistra la Svizzera con Locarno, a destra tutto il lago Maggiore. Il cuore mi si riempie di gioia quando vedo certi panorami.

La strada si snoda in piano, metà nel bosco e metà al sole. Nella metà del bosco faceva piuttosto fresco, si stava in felpa, ma al sole siamo stati in maniche corte, tanto faceva caldo. Poi ci abbiamo messo un sacco perché avevo portato un binocolo, che è stato motivo di scontri: la Bamby lo voleva, perché lei è un’esploratrice, Tippete lo voleva, perché giustamente vede la sorella, poi ogni tanto pure io e il Tato volevamo guardare col cannocchiale.

Lungo la strada abbiamo trovato due amanite muscarie, dei grilli, farfalle, un ramarro nero a macchie gialle e tutto era motivo di attenta osservazione da parte dei pargoli. Abbiamo sbagliato a non portarci dietro i biscottini col cioccolato, per loro, perché a metà strada, sul monte, secondo me a loro sarebbe servito… Domenica prossima, se vengono e fa bel tempo, non mancheremo.

Ieri sera, una volta andati via, mi sono sdraiata sul letto e non riuscivo a muovermi dalla stanchezza. Il contapassi aveva totalizzato oltre 20mila passi e 16 km. Mi sono addormentata prima di cena.

I bimbi in auto pure, il Tato, invece, si è sparato ben TRE ore di macchina, con annessa coda.

Dopo cena una bella chiacchierata con la mia amica LVB, che non si dimentica di  me, e una bella dormita.

Oggi, infine, solite cose: solo ginnastica posturale, un po’ di studio, camminata, ma tranquilla, che avevo ancora le gambe stanche da ieri, una bella dormita, che anche stamattina mi sono svegliata alle 6, visto che gli infermieri entrano per portare la terapia alla compagna di stanza, la quale se la dorme, urlano  il suo nome e poi lasciano la porta aperta, e cyclette.

Tra un po’ cena, doccia e un paio di puntate di Got, Tisana party e nanna…

Intanto stasera non vedo l’ora della cena: a parte il minestrone con verdura, che trovo più saziante dei 40 gr di pasta in bianco, ho le melanzane grigliate e il PROVOLONE!!! Cioè nella dieta c’è il provolone o il gorgonzola!!!!!!! 50 grammi. Io sono anni che non mangio formaggi, e ora non mi farò scappare l’occasione di mangiarli una volta la settimana (la seconda è la PIZZAAAAAAAAAA).

Devo ammettere che ho fatto il menu settimanale scegliendo in primis le melanzane grigliate, poi il resto… hanno ragione i miei colleghi del sud che sostengono che sarò anche settentrionale, ma a loro non la racconto mica giusta ^_^

 

This entry was posted in bamby, dieta, Piancatraz, tato, tippete. Bookmark the permalink.

Comments are closed.